login | registrati
 
Home Smouse System and security solutions Academy News Area Riservata
  L'anagrafe dei rapporti e i controlli di completezza e coerenza da parte delle autorita'
Mercoledì 16 Giugno 2010
La corretta gestione dell’Anagrafe dei Rapporti sta diventando un tema caldo che comincia a suscitare qualche legittima preoccupazione; ci è parso quindi opportuno organizzare una tavola rotonda a Piacenza, presso la sede di Studio Informatica (Stradone Farnese 43/A – Piacenza) il giorn 16 Giugno 2010
.
Avevamo tutti goduto, fin qui, di una tregua non dichiarata: l’Agenzia delle Entrate è stata a lungo consapevole di quanto fosse complesso, per le Banche ed in genere per tutti gli Intermediari Finanziari, aggiornare le proprie anagrafi per produrre una segnalazione completa e corretta e, di conseguenza, si è a lungo astenuta dal comminare multe per mancata o errata segnalazione.

Questo stato di tranquillità ci aveva forse fatto sottovalutare l’importanza dell’Anagrafe dei Rapporti; ma  sempre più essa sta diventando lo strumento principe per avviare qualunque tipo di indagine: non è più utilizzata per i soli accertamenti fiscali da Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza, bensì l’accesso è stato aperto ad altri soggetti: DIA, Nucleo di Polizia Valutaria, UIF e, ultimamente, alla Magistratura.

Ciascuno di questi soggetti accede all’anagrafe per finalità diverse: contrasto alla esportazione dei capitali, al riciclaggio, alla evasione fiscale, indagini sulla criminalità organizzata. Ciascuno di questi soggetti ha l’aspettativa che quanto segnalato in Anagrafe sia completo e veritiero.

La macchina dei controlli si è messa in moto, le multe sono consistenti ma rischiano di non essere il solo problema:  per giustificare la mancata segnalazione a fronte di una indagine particolarmente delicata dovremo dedicare tempo e risorse con esito incerto e con possibili danni d’immagine.

In questo contesto crediamo sia importante un confronto con le Istituzioni interessate. Diversi sono i temi aperti e che rischiano di trovarci impreparati:
  • Sappiamo tutti quanto sia difficile avere una Anagrafe correttamente aggiornata per quanto attiene i codici fiscali della clientela: come può aiutarci l’Agenzia?
  • Le segnalazioni non corrette, se meno del 30% del totale, vengono accettate dal diagnostico Entratel, ma non abbiamo riscontro se esse vengano o meno registrate sulla Anagrafe dei rapporti: sarebbe utile un flusso di ritorno che consenta di gestire correttamente i successivi invii ed, eventualmente, aggiornare le nostre anagrafi
  • In queste condizioni come garantire coerenza tra quanto segnalato in Anagrafe e quanto segnalato, invece, in fase di accertamento fiscale o di indagine del magistrato?
L'evento vuole quindi essere un’occasione per approfondire i temi teorici della questione, ma anche, e soprattutto, per affrontare gli aspetti pragmatici del lavoro quotidiano degli intermediari finanziari.